Tratta 09: Zoagli - Portofino

Route 2.849.358 - powered by www.wandermap.net

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 25 km
Tempo di percorrenza 8 h
Dislivello in salita 915 m
Dislivello in discesa 920 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  60 %
Percentuale sentiero su asfalto  40 %

Area download

GPX file tratta: Zoagli- Portofino
GE_T9.gpx
File GPS eXchange 322.7 KB
KMLfile tratta: Zoagli- Portofino
GE_T9.kml
Google Earth Placemark 75.1 KB


Descrizione generale della tratta

La tappa si snoda lungo una serie di salite e discese che fiancheggiano il bellissimo Golfo del Tigullio, con l’inconfondibile sagoma del Promontorio di Portofino sempre presente di fronte a noi. Da Zoagli si sale attraversando piccole e panoramiche frazioni circondate da oliveti, si scende poi a Rapallo e si sale nuovamente lungo un assolato crinale per scendere nuovamente fino a Santa Margherita Ligure. Da qui l’itinerario prosegue, addentrandosi all’interno dell’area del Parco Naturale Regionale di Portofino, con diversi sali e scendi fino al celeberrimo borgo di Portofino.

Breve descrizione dei punti di interesse storico culturali

Portofino

L’antico Portus Delphinii, così denominato da Plinio il Vecchio in epoca Romana, un tempo borgo di pescatori, oggi si presenta come centro di turismo elitario. Il centro storico del paese conserva ancora la struttura dell’antica colonia romana e di particolare interesse è la multicolore palazzata di case affacciata sul porticciolo che conferiscono a Portofino l’immagine di un borgo costiero ancora inalterato e ben inserito nell’ambiente circostante, tanto da diventare un’icona paesaggistica famosa in tutto il mondo.

 

Santa Margherita Ligure

Nota in epoca romana con il nome di Portus Pixinum e per secoli borgo di pescatori e legato a piccole attività commerciali ed agricole, divenne Santa Margherita Ligure dopo l’annessione della Liguria al Regno di Sardegna del 1815 e con il ‘900 inizia la propria ascesa quale località turistica internazionale. Importanti monumenti sono facilmente raggiungibili: Villa Durazzo Centurione, il Castello, la Basilica di Santa Margherita d’Antiochia e la chiesa di San Giacomo di Corte.

 

Chiesa di San Lorenzo della Costa e Trittico di Sant’Andrea

La struttura si presenta con tre navate, otto cappelle laterali e notevoli decorazioni in stucco dorato di arte barocca e marmi policromi. All’interno sono presenti numerose opere d’arte tra cui il famoso trittico fiammingo di Sant'Andrea. L'opera raffigura al centro il Martirio di Sant'Andrea e negli sportelli laterali le nozze di Cana e la Risurrezione di Lazzaro. Tale opera fu realizzata nel 1499 nella città di Bruges da un autore vicino alla tecnica pittorica di Hans Memling.

 

Zoagli

Il Sentiero Liguria parte da questa bella località rivierasca, sede di diverse seterie. Di notevole interesse sono le diverse frazioni che sorgono sulle colline, tutte di notevole pregio storico ed artistico e con vari punti panoramici di ragguardevole bellezza. Il Sentiero Liguria ne attraversa alcune (San Pietro di Rovereto, Semorile, il borgo disabitato di Sexi, Sant’Ambrogio) seguendo in parte il tracciato del bellissimo sentiero dei 5 Campanili.

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

Il Parco Portofino

Il Promontorio di Portofino, l'area protetta costiera più a settentrione del Mediterraneo occidentale, mostra scenari e paesaggi tra i più celebri al mondo. Costituita da giganteschi depositi conglomeratici sovrastanti bancate di calcari, in prevalenza marnosi, ha caratteristiche geomorfologiche e microclimatiche tali da offrire, in un territorio limitato, ambienti estremamente vari. In pochi passi si va dai freschi boschi appenninici del versante settentrionale all'assolato mondo mediterraneo sovrastante le falesie, dalla civiltà del castagno a quella dell'ulivo, dalle tradizioni contadine alle attività legate al mare ed alla pesca tradizionale. Protetto dal 1935, il Parco di Portofino ospita una delle maggiori concentrazioni floristiche del Mediterraneo, una notevole varietà di uccelli e invertebrati oltre ad importanti testimonianze storico-architettoniche tra i quali i complessi abbaziali di San Fruttuoso di Capodimonte e di San Gerolamo della Cervara. Una rete di oltre 80 km di sentieri permette passeggiate ed escursioni di diversa lunghezza e difficoltà, con la possibilità di apprezzare in modo ottimale le peculiarità dell’intera zona.