Tratta 08: Sestri Levante - Zoagli

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 16,9 km
Tempo di percorrenza 6 h
Dislivello in salita 568 m
Dislivello in discesa 543 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  18 %
Percentuale sentiero su asfalto  49 %
Percentuale sentiero su selciato 33%

Area download

GPX file tratta 08: Sestri Levante- Zoagli
GE_T8.gpx
File GPS eXchange 86.6 KB
KML file tratta 08: Sestri Levante- Zoagli
GE_T8.kml
Google Earth Placemark 20.6 KB

Descrizione generale della tratta

La tappa attraversa i territori dei comuni di Zoagli, Chiavari, Lavagna e Sestri Levante, con paesaggi e scorci quanto mai vari: dalla macchia mediterranea ai coltivi, dall’ambiente fluviale dell’Oasi dell’Entella ai caruggi di Chiavari, dalla pineta storica alle scogliere a picco sul mare. Un saliscendi lungo l’antica strada di collegamento dei borghi del Tigullio Orientale.

Breve descrizione dei punti di interesse storico culturali

SIC Pineta – Lecceta di Chiavari; Santuario delle Grazie.

Il sito è dominato da bosco misto a leccio (Quercus ilex) e pini (Pinus halepensis, P. pinea, P. pinaster), accostato ad aspetti diversi di macchia in evoluzione e, a quote inferiori, alla vegetazione rupestre alofila (legata a substrati più o meno salini). Sono inoltre presenti alcune orchidee tutelate. La specie di maggior pregio è l'euforbia a doppia ombrella (Euphorbia biumbellata), molto rara in Liguria. Il Santuario, il cui impianto originale risale al XIII secolo, ospita importanti affreschi di Teramo Piaggio e Luca Cambiaso.

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

SIC “Foce e medio corso dell’Entella”

Il SIC si sovrappone all’Oasi Faunistica istituita dalla Provincia di Genova. È una delle aree più importanti della Liguria costiera per la sosta degli uccelli migratori: oltre 90 sono le specie di interesse comunitario segnalate, in particolare anatidi, limicoli, ardeidi. Le acque sono popolate da vaironi (Leuciscus souffia) e barbi (Barbus plebejus); sulle rive è di particolare interesse una popolazione di Astigis salzmanni, raro coleottero tipicamente ripario.

 

SIC “Rocche di Sant’Anna - Valle del Fico”

Si tratta di un modesto crinale perpendicolare alla costa, che presenta un piccolo rivo e zone rupestri. L'area presenta aspetti contrastanti con ambienti freschi nelle piccole valli, alternati a versanti assolati coperti da garighe, macchia e prati termoxerofili (che prediligono luoghi caldi e aridi).