Tratta 07: Moneglia - Sestri Levante

Route 2.849.323 - powered by www.wandermap.net

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 15,4 km
Tempo di percorrenza 6 h
Dislivello in salita 805 m
Dislivello in discesa 798 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  85 %
Percentuale sentiero su asfalto  15 %

Area download

GPX file Tratta 07: Moneglia- Sestri Levante
GE_T7.gpx
File GPS eXchange 272.9 KB
KML file Tratta 07: Moneglia- Sestri Levante
GE_T7.kml
Google Earth Placemark 63.6 KB

Descrizione generale della tratta

La tappa si sviluppa quasi interamente all’interno di due Siti di Importanza Comunitaria, uno condiviso tra i Comuni di Moneglia, Sestri Levante e Casarza Ligure, l’altro interamente compreso nel territorio dell’antica Segesta. Il percorso si articola tra macchia mediterranea e falesie a picco sul mare, con splendide vedute che spaziano, in inverno, dalle Isole dell’Arcipelago Toscano all’estremo ponente ligure, con le sue Alpi innevate, alla Corsica a Sud. Tra i due SIC, Riva Trigoso, con la sua ampia spiaggia sabbiosa e gli storici cantieri navali con oltre un secolo di vita. Un saliscendi che termina tra i caruggi del centro storico di Sestri Levante.

Breve descrizione dei punti di interesse storico culturali

Sestri Levante

Fondata secondo la tradizione dai Liguri Tigullii, Sestri Levante era già nota in epoca romana con il nome di Segesta Tigulliorum. Il nucleo originario del borgo si sviluppò sull'isola in posizione fortificata, e solo dopo il XV secolo si estese alla piana alluvionale a sud del Gromolo. Passò successivamente sotto la Repubblica di Genova, che fece erigere il castello dell'isola, seguendone le vicende storiche sino alla conquista napoleonica. Numerose le emergenze artistiche ed architettoniche: il seicentesco Convento dei Cappuccini, la chiesa medievale di S. Nicolò dell'Isola, i resti dell'Oratorio barocco di Santa Caterina, la preziosa collezione d'arte della Galleria Rizzi, oltre alle numerose ville e palazzi storici appartenenti ad illustri famiglie dell'aristocrazia genovese che vi risiedettero soprattutto fra Sei e Settecento

 

Moneglia

Il Sentiero Liguria transita attraverso il centro storico di Moneglia, snodandosi lungo gli antichi caruggi. Raggiungibile con il treno o attraverso “le Gallerie”, antico tracciato della rete ferroviaria e oggi via principale di accesso al paese, la sua esistenza è documentata già in epoca imperiale romana: il nome Monilia è riportato per la prima volta sullaTavola Peutingeriana (datata al XII secolo, copia di una mappa stradale dell'impero romano).

 

Il Sistema delle Torri costiere di segnalazione

Nel Cinquecento i borghi costieri liguri si dotano di torri di avvistamento e segnalazione per prevenire le incursioni di corsari. Le torri erano disposte sui promontori più avanzati e in punti strategici che dominavano costa ed entroterra: da Est a Ovest nei territori di Moneglia e Sestri Levante, Punta Baffe, Monte Bardi, Punta Manara, Pietra Calante (da Mariotti, Dal Tigullio al Bracco, Erga Edizioni, 1996)

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

SIC “Punta Manara” e Oasi di Punta Manara

Piccolo promontorio di forma triangolare paesaggisticamente caratterizzato da ripide scogliere, piccole valli incassate, boschi, macchie ed oliveti. I versanti meridionali sono ricoperti da macchia ad euforbia arborea, lecceta e pineta, mentre a Nord l'area è rivestita da boschi più freschi con carpino nero, orniello, roverella e talvolta da castagneti. L’’Oasi di Punta Manara sottopone a protezione le aree di macchia e falesia individuate quali "zone rilevanti per la salvaguardia del SIC” oggetto di nidificazione di rapaci rupicoli (Falco pellegrino e Gufo reale) segnalati dalle Schede Natura 2000. Fonte: www.natura2000liguria.it.


SIC “Punta Baffe-Punta Moneglia-Val Petronio

Il sito comprende una articolata zona costiera con caratteristici strapiombi sul mare e piccole spiagge dove si mescolano, in scenografiche vedute, lembi residuali di pinete a pino marittimo, macchia e gariga. Nella parte più interna, si evidenziano versanti boscosi, con castagneti e aree di fondovalle con corsi d'acqua, dove, soprattutto lungo il Torrente Petronio, si osservano lembi di vegetazione riparia. Fonte: www.ambienteinliguria.it.