Tratta 27-1 variante: Taggia - Dolceacqua

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 30,5 km
Tempo di percorrenza 8h 15m
Dislivello in salita  1544 m
Dislivello in discesa  1537 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  46.74 %
Percentuale sentiero su asfalto  14.39 %
Percentuale sentiero su lastricato 22.26 %

Area download

GPX file Tratta 27-1 Variante: Taggia- Dolceacqua
IM_T27Var1.gpx
File GPS eXchange 214.1 KB
KML file Tratta 27-1 Variante: Taggia- Dolceacqua
IM_T27Var1.kml
Google Earth Placemark 50.0 KB

Descrizione generale della tratta

Dall’abitato di Taggia si risale la collina ponentina e tra uliveti si raggiungono i 400 metri di quota. Il percorso rimane pressochè pianeggiante fino all’antico borgo di Ceriana. Da qui una lunga salita ci porta sin in vetta al monte Bignone a circa 1200 metri di quota. Questo il punto più alto della tratta. Si discende percorrendo sentieri dell’Alta Via dei Monti Liguri. Si attraversa Perinaldo con la sua posizione sopraelevata e si discende infine a Dolceacqua. Un percorso di grande bellezza che vede il camminatore attraversare ambienti di alta montagna, coltivi mediterranei, borghi antichi e paesaggi incontaminati.

Breve descrizione dei punti di interesse storico culturali

Chiesa parrocchiale di San Pietro e Paolo a Ceriana

Della seconda metà del settecento questa chiesa venne edificata con i fondi di un lascito e con la partecipazione gratuita della collettività. I lavori terminarono nel 1782, quando furono completati i due campanili ai lati e la facciata. L'edificio presenta una facciata in stile tardo barocco dalla notevole altezza. Ai suoi lati sono collocati due campanili che si accostano come ali arretrate concave nella parte centrale della facciata. A navata unica, presenta una matrice di forma quadrangolare che si espande ai lati dando origine a cappelle interne e raccordi curvilinei.

 

Cappella di San Salvatore

L’antica Cappella di San Salvatore appare al visitatore come un edificio dalle severe linee con grandi contrafforti che sostengono le mura esteriori, e gli archi bassi, larghi e rotondi ne documentano l'antichità. Gli affreschi dell'interno sono stati imbiancati ad eccezione delle figure di Cristo, S. Salvatore (a sinistra dell'altare), di S. Pietro, che tiene le chiavi, a destra e di una terza figura sul muro a sinistra, più vicino alla porta. Questa vecchia cappella, monumento nazionale, è situata su di una collinetta sopra il paese, raggiungibile per una mulattiera in circa 10 minuti di cammino.

 

Museo dell’Osservatorio G. Cassini

Perinaldo e l’osservatorio Astronomico offrono tutto l'anno al visitatore la possibilità di osservare le stelle con un potente telescopio (per i giorni nuvolosi si può invece usufruire del piccolo planetario). Il centro organizza diversi appuntamenti, ma al di fuori di questi è comunque possibile la visita su prenotazione.

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

SIC Bassa Valle Armea

Oltre al SIC di Monte Nero e Monte Bignone che insiste anche in questo tratto, con un lungo crinale coperto da pinete, in questa zona è possibile osservare anche parte del SIC della Valle Armea, con zone erbose con orchidee spontanee e piccole parti a leccio. Tra la fauna si segnala la presenza di un mollusco di acqua dolce, endemico della zona (Graziana alpestris).