Tratta 22 (variante 2): Arnasco- Andora

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva  25.7km
Tempo di percorrenza  6h 40m 
Dislivello totale 745 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  59%
Percentuale sentiero su asfalto  39%
Percentuale sentiero su selciato  2%
Percentuale sentiero su altro tipo di fondo 0.3%

Area download

GPX file Tratta22: variante 2
Tratta22_V2.gpx
File GPS eXchange 331.2 KB
KML file Tratta22: variante 2
Tratta22v2.kml
Google Earth Placemark 149.9 KB

Descrizione generale della tratta

Da Menosio, piccolissimo borgo posto lungo una linea spartiacque, si attraversano a mezzacosta le valli Arroscia e Lerrone, sino a giungere a Vendone. Si scende a Ortovero, dove fiorente è la coltura della vite, per poi risalire a Ligo e da qui scendere a Garlenda. La lunga salita in direzione della Madonna della Guardia di Alassio termina al Colletto di Moglio, nei pressi del quale la Variante Alta si riallaccia al percorso principale del Sentiero Liguria.

Breve descrizione di alcuni punti di interesse storico culturale

Vendone e le sculture di Kriester

Vendone è un paese formato da tante borgate, adagiate nei punti più soleggiati. Oltre a Leuso e Cantone, direttamente interessati dal tracciato del Sentiero Liguria, si trovano più a ovest Villa, Curenna e Borgo e ad est Castellaro. A Castellaro si può visitare il parco di sculture di Rainer Kriester, artista tedesco scomparso all'inizio del secolo, che scelse Vendone come atelier all'aperto per le sue opere alte fino a 4 metri, in Pietra del Finale, scolpite a motivi geometrici.

 

Chiesa di San Giovanni

Questa piccola chiesa barocca è situata su una modesta altura coperta dagli ulivi, che si affaccia sulla piana di Ortovero e Villanova d'Albenga, posizione che già era stata scelta dai marchesi Clavesana nel XIII secolo per il loro castello (di cui non rimane traccia). Dal raccolto e caratteristico piazzale, ornato da un disegno di pietre bianche e nere, si abbraccia un ampio panorama.

 

Garlenda comune sportivo

Garlenda si estende nel tratto più ampio della val Lerrone. Nonostante sia un paese moderno, con strutture sportive notevoli (campo da golf, circoli ippici, campi da tennis e da calcio, piscina, palazzetto dello sport), conserva la vocazione per il turismo ambientale ed annovera diverse strutture ricettive. Poco distante dalle scuole si trova il Museo multimediale della Fiat500. Suggestivo il Castello Costa-Del Carretto, residenza signorile sorta alla fine del XVI sec. in borgata Meraia (deviazione).

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

Ortovero e il vino

Ortovero sorge in una piana su terreni sabbioso-argillosi del Pliocene (“Argille di Ortovero”), adatti ad essere coltivati a ortaggi, frutta e vigneti: qui si produce il vino bianco Pigato Riviera Ligure di Ponente DOC. Dove oggi si trova la frazione principale sorgeva probabilmente un fondo rustico romano (Ortus vetus); la vicina frazione Pogli fu fondata nel Medioevo come borgo murato da Albenga, intenzionata ad espandere i propri possedimenti nella valle.