Tratta 22 (variante 1): Toirano - Arnasco

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 22.6 km
Tempo di percorrenza  6h 50m 
Dislivello totale 1026m
Percentuale sentiero su fondo naturale  80%
Percentuale sentiero su asfalto  15%
Percentuale sentiero su selciato  5%
Percentuale sentiero su altro tipo di fondo 0%

Area download

GPX file Tratta22: variante1
Tratta22_V1.gpx
File GPS eXchange 227.8 KB
KML file Tratta22: variante 1
Tratta22v1.kml
Google Earth Placemark 108.2 KB

Descrizione generale della tratta

Dal Monte Sopra la Croce prende avvio la Variante Alta del Sentiero Liguria che porta alla scoperta dell’entroterra della piana di Albenga. Il percorso sino ad Arnasco è piuttosto lungo ed impegnativo ma è possibile “spezzare” la tratta prevedendo una sosta nel pittoresco borgo di Zuccarello. Giunti da Toirano al Monte Sopra Toirano (dislivello 570 metri) si abbandona il percorso principale del Sentiero Liguria e si sale in direzione del Santuario Regina della Pace passando per il Monte Acuto, per poi affrontare l'impegnativa discesa della valle Auzza (700m di dislivello, buona parte in ripida discesa). Giunti a Zuccarello si prosegue per Martinetto, si sale alla Rocca Livernà e si giunge ad Arnasco

Breve descrizione di alcuni punti di interesse storico culturale

Prati e caselle di M.Acuto

Le aree sommitali del crinale sono occupate da pascoli, in parte colonizzati da arbusti dove meno utilizzati dal bestiame; tra l'erba e i sassi in primavera si possono scorgere rarità botaniche come il giaggiolo tirrenico (Iris lutescens) ed il cardo pallottola (Echinops ritro), e svariate specie di orchidee selvatiche (tutte specie protette). Le case le in pietra, costruite a secco (senza malta o leganti), testimoniano una lunga storia nell'attività di pastorizia.

 

Guerra... e pace

La culminazione del Poggio Grande è occupata da una batteria militare ottocentesca (Forte Poggio Grande o “Due fratelli”); in questa località strategica sorgeva in precedenza un campo trincerato francese che fu teatro di battaglie nel periodo napoleonico. A 300 m in linea d'aria, nel punto in cui tra il 1949 e il 1971 si sono verificate oltre 100 apparizioni mariane, si trova invece il Santuario della Riconciliazione e della Pace (o Madonna di Balestrino).

  

Uno dei Borghi più belli

Di origine medioevale il borgo murato di Zuccarello fu fondato nel 1248 dai marchesi Clavesana e nel 1397 divenne sede di un marchesato autonomo della casata dei Del Carretto; qui nacque Ilaria Del Carretto, poi sposa del signore di Lucca nel 1403 (la ritrae un celebre monumento funebre in marmo opera di Jacopo della Quercia). Il borgo conserva intatta la sua struttura medioevale, con la strada centrale porticata, le due torri a difesa delle porte, il reticolo di vicoli e il castello.

  

Forte di Rocca Livernà

Postazione militare sabauda ottocentesca, fu costruita su un precedente castello per controllare la piana di Albenga e le vallate circostanti. Il Sentiero Liguria porta alla batteria, che ospitava le postazioni d'artiglieria e gli alloggiamenti della truppa, collegati da corridoi in trincea; lungo uno di questi si possono notare le tracce di una fontana; un altro cunicolo termina tra le rocce a picco sulla valle sottostante (prestare attenzione). Nel piazzale interno sono presenti alcuni tavoli in legno.

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

Arnasco e l'olio

Arnasco è un piccolo comune formato da più frazioni a mezza costa, circondate dagli uliveti. La varietà locale di oliva detta Pignola, per le sue particolari caratteristiche è anche nota come “Arnasca”. La coltivazione dell'ulivo è la principale attività del paese, che ha inserito la pianta nel proprio stemma comunale. Presso la frazione Chiesa si trova un museo dedicato all'ulivo, la produzione dell'olio ed i materiali utilizzati in epoca moderna e storica.