Tratta 22: Toirano - Albenga

Route 2.893.974 - powered by www.wandermap.net

Tabella dati per tratta

Lunghezza complessiva 16,6 km
Tempo di percorrenza  4h 45m 
Dislivello in salita 624 m
Dislivello in discesa  675 m
Percentuale sentiero su fondo naturale  46,8 %
Percentuale sentiero su asfalto  48.8 %
Percentuale sentiero su selciato  4.4 %
Percentuale sentiero su altro tipo di fondo 0 %

Area download

GPX file Tratta22: Toirano- Albenga
Tratta22_Toirano-Albenga.gpx
File GPS eXchange 135.4 KB
KML file Tratta22: Toirano- Albenga
Tratta22_Toirano-Albenga.kml
Google Earth Placemark 31.9 KB

Descrizione generale della tratta

Questa tratta del Sentiero Liguria, che si sviluppa per circa metà del suo percorso su asfalto, prende avvio da Toirano scendendo per un breve tratto lungo la strada provinciale per Borghetto S. Spirito. Imboccata, nei pressi di un frantoio, la strada che sale tra le fasce ad ulivi, si prosegue lungo il ripido sentiero che porta al Monte Sopra Toirano e poi al Monte Croce. La fatica fatta per arrivare sulle due cime verrà ripagata dallo splendido panorama. Si scende verso la costa sino a Ceriale, per proseguire su asfalto, in direzione ovest, sino al bel centro storico della cittadina di Albenga.

Breve descrizione di alcuni punti di interesse storico culturale

Castello Borelli

Situato a Capo Santo Spirito è stato edificato nel XIX secolo. Deve il nome al Senatore Borelli che morì a Borghetto Santo Spirito il 19 luglio 2005. Ingegnere (fu il direttore dei lavori per la costruzione del traforo del Frejus) seppe modificare le struttura del castello arricchendo il parco di una grande varietà di piante. Il Castello sorge sopra i resti dell’antico ospizio di Santo Spirito.

Breve descrizione delle principali aree naturali di interesse

Ceriale, la Valle Ibà e la riserva del Rio Torsero

Ceriale è situata all’estremità orientale della piana d’Albenga e anch’essa è probabilmente un insediamento le cui origini posso risalire all’epoca dell’impero romano. Due luoghi di interesse sono rappresentati dalla Valle Ibà e dalla riserva naturale del Rio Torsero. La Valle del rio Ibà rappresenta un luogo interessante dal punto di vista naturalistico per la varietà di ambienti che si incontrano e per la ricchezza di specie anche endemiche. La riserva naturale regionale del Rio Torsero è un’area protetta di circa 4 ettari di grande interesse paleontologico: preserva un deposito fossilifero del Pliocene. Una significativa collezione di fossili è visibile presso il Museo Paleontologico Silvio Lai situato in frazione

Peagna.

 

Grotte di Toirano

Sono un complesso di cavità carsiche famose per la loro estensione e per la varietà di stalagmiti e stalattiti che presentano. Al loro interno sono state trovate tracce dell’uomo di neanderthal risalenti a circa 12000 anni fa oltre ai resti di Ursus speleus orso delle caverne di 25000 anni fa. La grotta della Bàsura (grotta della strega) fu scoperta nel 1950, mentre la grotta inferiore di Santa Lucia fu scoperta nel 1960. Le due cavità naturali sono oggi collegate da un tunnel artificiale.