Tratta 00: Luni - Bocca di Magra

 

Lunghezza complessiva

10,6 Km
Tempo di percorrenza 2 h 30 m 
Dislivello in salita 0 m
Dislivello in discesa 0 m
Percentuale sentiero su fondo naturale 41,2%
Percentuale sentiero su asfalto 54,6 %
Percentuale sentiero su selciato 4,2 %
 Percentuale sentiero su altro tipo di fondo 0 %
Tratta 00: Luni- Bocca di Magra
Luni_Bocca MG_kml _2016-08-26_0908.kml
Google Earth Placemark 20.7 KB
Tratta 00: Luni- Bocca di Magra
Luni_Bocca MG_gpx _2016-08-26_0908.gpx
File GPS eXchange 56.5 KB

Descrizione generale della tratta

La tappa è completamente pianeggiante: si snoda infatti attorno al tratto estuariale del Fiume Magra, nell'ampia pianura alluvionale, la più importante di tutta la Liguria, ricca anche di ambienti umidi ricadenti per la maggior parte nei SIC tutelati dalla Comunità Europea. Il territorio ricompreso tra le Alpi Apuane ed il promontorio di Montemarcello, per quanto sembri esteticamente anticipare quello della prossima Toscana, assume un rilevante valore paesaggistico e storico-culturale, grazie alla possibilità di visitare i resti romani dell'area archeologica di Luni. Vicina, anche se non attraversata dal sentiero, è possibile vedere la Tenuta di Marinella, una vasta area che ha preservato i caratteri agricoli propri della Piana.

Breve descrizione di alcuni punti di interesse storico culturale

Via Francigena

La Via Francigena, grande arteria di comunicazione del continente, congiunge il nord Europa con Roma, meta di una delle peregrinationes maiores insieme a Santiago di Compostela e Gerusalemme. Una “via di culture”, come la definisce Jacques Le Goff, lungo la quale si è costruita l’Europa dei popoli, riconosciuta dal Consiglio d’Europa “Itinerario Culturale” (1994) e, successivamente, “Grande Itinerario Culturale” (2004). Fonte: www.viefrancigene.org

L'Anfiteatro romano

La struttura, destinata ai munera gladiatoria ed alle venationes (spettacoli di caccia), sorge fuori dalle mura, nel suburbio orientale: la sua capienza è di 7000 spettatori. Di forma ellittica (88,5 x 70,2 m), è orientato secondo l’andamento della ripartizione agraria che in età augustea sostituisce quella tracciata all’atto della creazione della colonia. Fonte: www.luni.beniculturali.it

Breve descrizione di alcuni punti di interesse storico culturale

SIC "Piana del Magra"

Il sito comprende diversi piccoli stagni naturali e artificiali, lanche e canali, relitti di una più vasta zona umida oramai per gran parte bonificata, ma importantissima perché unica a livello regionale. Per diverse idrofite si tratta delle uniche stazioni in Liguria. Altrettanto uni- ca al livello regionale è la pineta a Pinus pinea su substrati sabbiosi dunali. Essa tuttavia è artificiale anche se ormai consolidata da tempo. Dal punto di vista faunistico gli stagni rappresentano un importante sito di sosta per l'avifauna. Fonte: www.ambienteinliguria.it

 

Tenuta di Marinella

Il primo impianto della tenuta risale ai Fieschi (XVIII secolo): la corte quadrata, che poi venne inglobata nel villaggio costruito da Carlo Fabbricotti a partire dal 1865 fino al 1926. Nel 1934 la Banca Monte dei Paschi di Siena compra l'azienda di Marinella. Dopo la guerra vengono ricostruiti i casali e i fabbricati aziendali distrutti. In questo stesso periodo vennero sviluppati i settori ortofrutticolo e lattifero. Ancora oggi il settore latte costituisce la produzione primaria dell'azienda. Fonte: www.progettomarinella.it